10 curiosità: Tour Eiffel

Paris_1889_plakat.jpg
La Tour Eiffel, è probabilmente l’attrazione più famosa al mondo. Lo scopo della sua costruzione è stata quella di presentarsi all’esposizione universale del 1889, come commemoriale per il centenario della Rivoluzione Francese. E’ stata molto odiata dai parigini in quanto questo ammasso di ferro, oltre ad essere poco gradito era anche visibile da ogni angolo della città. Era prevista la sua demolizione per il 1909 ma poi è stato deciso di mantenerla riproponendola come antenna, utilizzata poi per comunicare con l’esercito in guerra e oggi come antenna radio.

~ La costruzione è iniziata nel 1887 ed è stata terminata 2 anni, 2 mesi e 5 giorni dopo. Construction_tour_eiffel5.JPG

~ Inizialmente il progetto della torre è stato proposto alla città di Barcellona, Spagna, la quale però ha rifiutato. ( e meno male, se no Parigi oggi non sarebbe la stessa 😀  )

~ Nel periodo di costruzione 1889, la Torre Eiffel era l’edificio più alto al mondo. E lo è stata per i successivi 41 anni fino alla costruzione del Chrysler Building in New York.
Quando poi alla torre Eiffel è stata installata l’antenna, uguagliò l’altezza del Chrysler Building.

~ Per arrivare alla cima della torre a piedi ci sono 1665 scalini. Oggi si può salire a piedi solo fino al secondo piano. Per arrivare alla cima bisogna prendere l’ascensore, che comunque è disponibile anche dalla base della torre.

~ In occasione di una visita ufficiale di Hitler, i dipendenti della torre per protesta tagliarono i cavi degli ascensori, costringendo Hitler a salire a piedi.

~ Un certo inventore, Franz Reichelt, perse la vita, lanciandosi dal primo piano della torre per sperimentare la sua invenzione: il paracadute. Correva l’anno 1912.

800px-tarotokyo-20110314-tokyotower-01~ Nel mondo ci sono 30 repliche della Torre Eiffel, tra cui la torre Eiffel a Las Vegas e a Tokyo. 

~ La torre è alta  324  m, ma ha un’oscillazione di 15 cm in base alle temperature.

~ Sulla punta della torre, al terzo piano, il signor Eiffel aveva il suo appartamento, in cui riceveva gli ospiti più illustri, all’interno oggi si trovano le statue di Eiffel insieme a Thomas Edison e alla figlia Claire.

~ Ogni 5 anni vengono utilizzate 50 tonnellate di colore per riverniciare la Torre ed evitarne il deterioramento dovuto alla ruggine.

Queste sono i fatti che mi hanno incuriosito di più leggendo e visitando la torre 😀
 Di seguito trovate il listino prezzi 2016:

listino-prezzi-t-eiffel

Anche se la torre Eiffel mi ha da sempre affascinato, NOTRE DAME rimane la mia attrazione preferita di Parigi, con il  suo quartiere latino da un lato e dall’altro il quartiere le Marais.

E a voi cosa ha impressionato di più?
Avec Amour,
Cristina

13321849_10209530240358872_1931561827809041961_n

 

10 cose da sapere su Notre Dame Paris

Parigi è una città bellissima, si vive un’atmosfera rilassante ma allo stesso tempo molto energetica. Bellissimi palazzi, ristoranti ovunque, turisti muniti di macchine fotografiche pronti per uno scatto che ritrae un pezzo di ricordo vissuto a Parigi.

798140851_NotreDame2

Notre Dame de Paris

Quando vado alla scoperta di un nuovo posto, la maggior parte delle volte mi piace farlo da sola, io, i miei pensieri e le riflessioni. Poi magari ci ritorno altre volte in compagnia.
Ma soprattutto mi piace dedicare almeno una mattina o un pomeriggio intero nello stesso posto, e farlo diventare un po’ anche mio 😉

Uno dei primi weekend qui, ho deciso di andare a vedere Notre dame.
Per me Parigi non è la Tour Eiffel, per me Parigi è Notre Dame. Sarà perché la rinomata cattedrale ha vissuto un millennio di storia di Parigi, sarà per i libri letti da bambina, o sarà semplicemente perché ne sono affascinata. Assimilando qua e la, ho raccolto 10 curiosità interessanti :

 

1 – La costruzione della cattedrale è iniziata nel 1163 e terminata  87 anni dopo (!!!) , nel 1250. Quasi un millennio fa… Chissà quante persone hanno visto l’inizio dei lavori, e mai la fine…

IMG_8100

Point Zero, Paris

2 – Nella piazza di fronte alla cattedrale si trova Point Zero, (KM 0) punto dal quale vengono calcolate le distanze tra Parigi e le altre città in Francia;

3- La torre destra (verso sud/ fiume) è leggermente più stretta di quella sinistra. Errare humanum est

4- Prima di raggiungere le torri, ci sono da affrontare i 378 gradini, niente ascensori ;

5- All’interno sono avvenuti dei suicidi. Il suicidio è un tema che mi rattrista molto, senza parlare del fatto che qualcuno decida di farlo dentro una chiesa… Evidentemente volevano trasmettere un messaggio forte.
2013 – uno scrittore si uccise sparandosi un colpo di pistola in bocca.
1931 – un intellettuale messicano in esilio a Parigi si suicidò con un colpo di pistola al cuore. Continua a leggere

Erasmus – Trovare casa 

Questa prima settimana, l’ho dedicata interamente alla casa.🏡

Dopo mesi e mesi di ricerche finalmente ho trovato quello che volevo: un piccolo appartamentino tutto per me

Essendo di nuovo lontana da casa questa volta ( a differenza dell’esperienza Aupair vissuta in famiglia ), volevo mettermi alla prova nel vivere da sola.  

Residence da fuori

 

All’arrivo, l’appartamento è piccolino, semplice e arredato. Si tratta di uno studio, con ingresso, bagno, camera, angolo cucina e un piccolo balconcino. Una delle cose su cui puntavo tanto è l’esposizione a sud, la parte che ti permette di avere più luce durante tutto l’arco della giornata. Non so voi ma io sono molto meteopatica, la pioggia mi mette nostalgia, e il sole e la luce mi trasmettono un’energia pazzesca ☀️☀️☀️

 

Planimetria dello studio


Così il giorno dopo il mio arrivo, con l’aiuto di un amico, abbiamo imbiancato l’appartamento, e ciò l’ha reso ancora più luminoso 🌟

Poi sono passata alle pulizie intense. Ecco vivendo da sola ho scoperto di essere maniaca delle pulizie!!! A maggior ragione non sapendo chi ha vissuto lì prima di me volevo assicurarmi di disinfettare e pulire tutto quanto. Per quanto riguardo l’ordine, beh una storia a parte 😉

I giorni successivi li ho dedicati allo shopping per la casa: tenda doccia, contenitori, appendiabiti, tappeti, asciugamani ect ect.. Mi sono divertita un sacco fin quando poi non ho realizzato che in neanche una settimana ho già speso 400€ 😱 Da adesso terrò più a freno i miei istinti di Interior Design 🤓

A ogni modo sono soddisfatta della casa, io sono dell’idea che stare bene a casa sia il primo passo per ambientarsi in un nuovo luogo. Detto fatto ✔️

Good News on The way 

Buona sera a tutti,

Mentre scrivo questo post, spero di trovarvi tutti bene. Spesso mi scrivono vecchie lettrici che ho conosciuto, e tra chi è ritornato a casa dall’America , chi sta facendo l’extension e chi sta finendo pure il secondo anno, mi rendo conto che il tempo passa, e passa piuttosto in fretta. E il mio grande sogno diventato realtà, è ancora fresco nella mia mente e lo ricordo sempre con tanta nostalgia.

Ora sono al II anno in Statale a Milano, essere all’università mi permette di gestirmi il tempo libero e svolgere lavoretti qua e là. Dopo aver lavorato da Zara e Michael Kors, quest’inverno ho lavorato come Sale Assistant presso Furla (a Milano) con un fantastico team. Poi a febbraio sono tornata in Moldavia ( mio paese natale ) per 2 settimane, dove ho rivisto i parenti e passato tanto tempo insieme alla mia mamma. Una volta tornata fui catapultata nel pieno della sessione d’esami. Quindi esami su esami, ho avuto pochissimo tempo da dedicare al blog. In questo periodo avrò modo di postare un po’ di idee che mi posso passate nella mente in tutti questi mesi e per questione di tempo sono sono riuscita a fare. … So Stay Tuned!!!

Nonostante il periodo sovraccaricato e il poco tempo libero, mano mano i sacrifici danno i propri frutti : quest’anno ho preso la borsa di studio yeaaah 😀

Inoltre fresca fresca dei risultati appena ricevuti, Condivido con voi la bella news:  nel prossimo anno accademico, andrò in ERASMUS a PARIGI!!!  🇫🇷🇫🇷🇫🇷 Non vedo l’ora!

A presto con nuovi post 😀

Bacioni!!!

Cristina