In love with my girls ❤️

Correva l’anno 2012 quando a settembre vidi per la prima volta le mie bimbe, Sienna ed Emma rispettivamente 2,7 anni e 7 mesi.
L’11 settembre 2014 ho fatto un anno da quando sono tornata a casa, e in tale occasione la mia Host Family sono venuti a Milano a trovarmi 😀

IMG_0848.JPG

What about SHAPE?

Buongiorno fanciulle!!!
Molte di voi mi chiedono spesso quali sono i PRO e i CONTRO di un’esperienza Aupair negli Stati Uniti… Ecco, senza volerlo la mia lista dei pro era così lunga che a quella dei contro non ci ero mai arrivata… In realtà riflettendoci non ci sono lati negativi, TRANNE UNO, uno GRANDE:

                                                             INGRASSARE IN AMERICA!!!

Quando ero partita a settembre 2012 pesavo circa 58kg, il mio peso medio, e tornata a casa a settembre 2013 con ben 6kg in più, ossia 64….
Non sono mai arrivata a così tanto… ma vuoi, per gola, vuoi per il poco sport, vuoi per la pigrizia questi 6 kg li ho messi su tranquillamente nell’arco di 12 mesi…
Questo è un fattore comune per tutte le Aupair, è una cosa a cui è difficile scampare…
Ciò che ha contribuito di più ad aumentare il mio peso, come quello di tutte le altre ragazze alla pari, è la curiosità di provare e godersi tutti i nuovi cibi che l’America offre: hamburgers, chicken nuggets , bacon, tacos, donuts, cookies, cheesecake ect etc….
Ma non vi spaventate! Questo fa parte dell’esperienza: godersi sapori nuovi di buonissime delizie 😉
Una volta tornata a Milano, mi sono iscritta in palestra, iniziato l’università, trovato lavoro e così ho ingranato il nuovo ritmo… E senza fare sacrifici ho riperso 7kg 😉

20140312-085635.jpg

Happy 4th Birthday Sissi!

A distanza di 10 giorni dalla sorellina Emma, oggi Sienna compie ben 4 anni..!
È una bimba molto intelligente, una piccola nuotatrice, ballerina e principessa 😍

20140227-155318.jpg

Happy Birthday!!!

Oggi la mia piccola bimba Emma, compie ben 2 anni!!!
Quando sono arrivata negli States aveva 7 mesi, stava appena seduta e l’ho lasciata pochi mesi fa che correva, parlava, mangiava da sola, cantava e andava al vasino da sola! Ora è una piccola principessa ❤️20140225-095002.jpg

5 Steps per fare nuove amicizie negli States :D

20140211-134057.jpg

Buongiorno a tutti,
In questa giornata di sole mi sento molto ispirata 😀
Uno dei timori più grandi che colpiscono noi Aupair è quello di sentirci sole nella nostra avventura oltreoceano.
In realtà, se si ha lo spirito di avventura non si è mai soli 😀 Le ragazze alla pari a grandi linee hanno lo stesso spirito di iniziativa, divertimento e amicizia. I ragazzi americani sono molto socievoli e alla mano, quindi non abbiate timore a fare il primo passo 😉 e sopratutto gli americani amano gli italiani, saranno affascinati da qualsiasi cosa racconterete dell’Italia :*

Oggi vi indicherò le 5 occasioni più comuni per le Aupair per fare nuove amicizie :

1- ORIENTATION – (Per chi di voi non è ancora famigliare con questo termine e cosa significhi, l’Orientation è il periodo di 4 gg che si svolge a New York prima di raggiungere le proprie host family)
L’orientation sarà il primo approccio con altre ragazze che intraprendono la nostra stessa avventura, ragazze da ogni parte del mondo, con le stesse paure e timori vostri, con le stesse aspettative e con gli stessi sogni 😉
E’ importante fare amicizia fin da subito, perchè sono le prime compagne d’avventura, che provano esattamente le vostre stesse emozioni 😉
Mantenere il contatto con queste nuove amicizie vi permetterà di sostenervi a vicenda e confrontarvi sulle prime esperienze con la host family 😉
Inoltre, nei vostri weekend o settimane libere potete andare a trovarle e visitare la città in cui vivono e viceversa 😉
E per chi di voi decide di sfruttare il 13esimo mese per viaggiare, potrete condividere quest’esperienza con le ragazze che hanno il vostro stesso 13esimo mese, ossia le ragazze partite nello stesso mese insieme a voi 😉

2- MEETING – I meeting sono degli incontri mensili che vengono organizzati dalla community counseilor della zona in cui vivete. I meeting hanno lo scopo di riunire le Aupairs della zona e trattare un argomento in particolare, che possono essere la scuola, le vacanze, attività per bambini, le famiglie, tasse, nostalgia di casa, nuovi progetti, accogliere nuove Aupair, ect… Questa è un’ottima occasione per Continua a leggere

VIDEO di presentazione ( per la host family)

Una delle ultime parti dell’Application form per creare il profilo Aupair, prevede l’uploading di un video di presentazione per la futura family.
Credo che sia la parte più difficile da fare, in quanto si viene sommersi da mille dubbi: cosa dire?, dove lo posso fare?, e se parlo troppo poco? ect. E sopratutto l’imbarazzo a parlare davanti a una camera a persone sconosciute.
Ecco, insomma ci passiamo tutte!

~ Dove girare il video?
Scegliete un posto tranquillo dove vi sentiate a vostro agio, può essere la vostra camera da letto, il soggiorno, fuori all’aria aperta come il parco, o su un prato ect..

~ Quanto deve essere lungo?
MAX 3 min altrimenti il video verrà scartato automaticamente. Un video sui 1-2 min va più che bene 😉 

~ Cosa dire?
Fate una piccola scaletta delle cose da dire seguendo l’ordine della lettera di presentazione che avete scritto precedentemente.
Presentarsi (anni, studi, posto in cui vivete), parlare della propria famiglia, dei propri hobby e  passatempi ( in modo da poter trovare qualcosa in comune con la famiglia), delle esperienze precedenti con i bambini, quali erano le tue responsabilità e cosa ti piace fare con loro.
Inoltre, per concludere il vostro video non dimenticate di raccontare cosa vi spinge a intraprendere quest’avventura 😀 ed eventuali sogni e progetti per il futuro 😉

Ultimo consiglio: Accendete la camera, posizionatevi davanti e pensate di parlare a un’amica 😉  
Armatevi di grinta, solarità ed eccitazione e sarà fatta!!! 😀

Visto che molte di voi l’hanno chiesto, ecco il video che ho fatto un anno fa (con il mio orribile inglese):

Scrivere la lettera alla Host Family

Molte ragazze nella fase application, arrivando al momento in cui va scritta la lettera alla famiglia si bloccano. Io compresa, mi ci sono volute tre settimane per decidermi a scriverla.
Ricordatevi di scrivere dei vostri hobby, delle esperienze lavorative (sopratutto inerenti a bambini), dei vostri progetti per il futuro e ultimo ( ma non di importanza) ciò che vi spinge a intraprendere questa esperienza 😀
Più che leggere le referenze e profilo, le famiglie si fanno una prima impressione sulla base della vostra lettera.
Quindi siate voi stesse e creative 😉

Per farvi un’idea questa è la mia lettera:

20131105-171440.jpg

La nuova cabina armadio :D

Questa è la cabina armadio della mia camera da letto nella nuova casa, nella quale ho vissuto da luglio alla fine del mio anno di Aupair. La cabina armadio è decisamente molto più grande e spaziosa di quella vecchia! 😀 VEDI QUI 

Prima dopo

Ancora prima di trasferirci nella casa nuova, ho girato per negozi come Target, K-mart , Walmart, Ikea ect per trovare tutti i mobiletti che mi servivano sia per la cabina armadio che per la camera da letto.  La ricerca ha dato i suoi frutti 😀  
Per magliette, pantaloncini libri e borse, ho preferito un mobiletto open, a visita ai quali ho aggiunto i tre contenitori rossi, per pigiami, costumi da bagno, intimo e trousse da trucchi.  Sopra il mobiletto ho creato un spazio per la cura del viso e corpo, e accessori vari, creme, smalti, rossetti, occhiali e braccialetti. e ho aggiunto uno specchio per potermi truccare e preparare prima di uscire.  

Access 2

Prima di arrivare a una soluzione definitiva ne ho provate molte altre fino ad essere  arrivata a quella più comoda, pratica e meglio organizzata. Il mobiletto l’ho preso da Target a 39$, e i contenitori rossi da K-mart a 5$ ciascuno 😀

Nella cabina armadio sulla destra posizionato una scarpiera comprata  da Walmart a 12$,  la quale dopo una settimana non mi bastò più, quindi decisi di comprarne un’altra e posizionarla sopra, in modo da darmi più spazio per le scarpe. Per poter mettere le scarpe con tacco o zeppe,  alla seconda scarpiera comprata, non montai sù il ripiano di mezzo.

Vesiti

Sulla sinistra invece riciclai un vecchio mobiletto che avevano in casa, e l’ho usato per le collane e orecchini, e altri accessori nel cassetto. Per il resto sugli appendiabiti ho diviso da un lato i vestiti e dall’altro le magliette e camicie. 

Mi sono divertita un sacco a sistemare la mia camera da letto ma ancora di più la cabina armadio: dalla scelta dei mobiletti, alla loro montatura, alla organizzazione dei vestiti, accessori e scarpe, e sopratutto al godermi ogni giorno la cabina armadio che non ho mai avuto 😀