Fundacion Salvacion, esperienza di volontariato in Guatemala

Ciao a tutti,
Oggi voglio condividere con voi la Storia di Alice, ragazza 20enne, partita quest’estate per un mese e mezzo in Guatemala per volontariato. Di sua spontanea volontà, senza nessuna organizzazione e a spese proprie è partita con tutto l’entusiasmo del mondo. Mi ha incuriosito davvero tanto il suo racconto, aveva quel luccichio negli occhi quando raccontava dei bambini che curava, di tutte le prime necessità di cui hanno tutt’ora bisogno, e di quanto quest’esperienza l’abbia influenzata. La sua esperienza non si è conclusa su quel volo di ritorno, ma è tutt’ora impegnata a promuovere la sua avventura ed essere a disposizione di qualunque persona voglia altrettanto intraprendere lo stesso percorso…

image

Questo sono le sue parole:
Quest’estate ho avuto la fortuna di fare del volontariato in un orfanotrofio/ casa-accoglienza in Guatemala, un posto speciale chiamato Fundacion Salvacion, che accoglie all’incirca 120 bambini/adolescenti. Io mi sono occupata di dare una mano nell’area dei bebè, dove si trovano 17 bimbi da 1 a 4 anni ed è stata un’esperienza impagabile. In genere, ogni giorno,davo una mano a stendere i carichi di lavanderia(circa due bidoni interi), a ripiegarli, a portare fuori i più grandi nel piccolo parco giochi, a portare a spasso Glendy (bimba di 8 anni costretta alla sedia a rotelle) e a tenere sotto controllo la situazione, che equivale a dire: accertarmi che nessuno si ammazzasse nell’arrampicarsi sulle staccionate; che nessuno perdesse arti nel saltare da una culla all’altra; che l’acqua rimanesse nel gabinetto e non nelle mani/bocche di chi ci giocava; oltre a cambiare pannolini all’occorrenza. imageDevo ammettere che a volte era davvero esauriente dover gestire 17 piccole menti vivacissime, però è stata un’esperienza che non cambierei per nulla al mondo. Giorno dopo giorno, ho imparato ad apprezzare ogni momento trascorso con quei piccoli; Come quando qualcuno si addormentava in braccio, non mi affrettavo a riporlo nel lettino, perché ciò che volevano era un po’ di calore umano. O i momenti in cui, senza pensarci, mi chiamavano mamma, invece che con il mio nome: è vero, in alcuni casi lo facevano perché non si ricordavano davvero il mio nome, ma in generale chiamavano così tutte le persone che dedicavano loro tempo e attenzioni. O, ancora, quando i più piccolini, dopo avermi salutata con un entusiasmissimo “ Alisss!”, immancabilmente pronunciavano la parola “popò” (o nelle sue variabili più fantasiose pepè, pipì, pepì..), un po’ per indispettirmi, un po’ perché speravano di potersi ritagliare un piccolo spazio interamente dedicato a loro nel fasciatoio e sentirsi speciali, curati e amati un po’ più degli altri.image Oppure quando tutti intenti nel mangiarsi la propria banana, mi guardavano e qualcuno, con un’innocenza commovente, mi offriva l’ultimo pezzettino del suo pasto, non importa se malconcio e spappolato tra le piccole dita, perché lo faceva con tutto l’amore e altruismo possibile.image

Purtroppo a questi piccoli manca l’affetto e il sostegno di una famiglia, perciò consiglio, a chi si sente pronto ad affrontare un’esperienza differente dal solito, di provare a fare del volontariato. Vi sorprenderà la carica di affetto, abbracci e baci che riceverete in cambio del vostro aiuto. Se per caso vi ha incuriosito il mio racconto e vorreste saperne di più sulla mia esperienza o sul fare del volontariato in questo orfanotrofio, contattatemi pure tramite mail (alicevigani94@hotmail.it) , vi risponderò più che volentieri
Per quelli che invece non se la sentono di fare questo passo, ma che vogliono comunque dare una mano, vi consiglio di dare un’occhiata alla sezione “current campaigns” del sito www.morethancompassion.org; sono delle campagne per raccogliere fondi , ad esempio “Chloe and Kelly fundraising campaign” per riuscire ad acquistare pannolini per i 17 bebè per un anno intero. Grazie a tutti per l’attenzione!
Alice ”

Ognuno di noi, a partire dai piccoli gesti, può contribuire all’aiuto della casa-accoglienza Fundacion Salvacion :

~ Condividendo la storia di Alice
~ Condividendo il video organizzato dai ragazzi che sono stati in Guatemala
~ Cliccando Mi piace alla pagina FB
~ Facendo delle donazioni alle campagne aperte in corso  promosse dai ragazzi che come Alice hanno vissuto la casa accoglienza
~ E perché no, provare di persona quest’esperienza..

Per altre info:
> http://www.morethancompassion.org
> alicevigani94@hotmail.it

Annunci

VIDEO di presentazione ( per la host family)

Una delle ultime parti dell’Application form per creare il profilo Aupair, prevede l’uploading di un video di presentazione per la futura family.
Credo che sia la parte più difficile da fare, in quanto si viene sommersi da mille dubbi: cosa dire?, dove lo posso fare?, e se parlo troppo poco? ect. E sopratutto l’imbarazzo a parlare davanti a una camera a persone sconosciute.
Ecco, insomma ci passiamo tutte!

~ Dove girare il video?
Scegliete un posto tranquillo dove vi sentiate a vostro agio, può essere la vostra camera da letto, il soggiorno, fuori all’aria aperta come il parco, o su un prato ect..

~ Quanto deve essere lungo?
MAX 3 min altrimenti il video verrà scartato automaticamente. Un video sui 1-2 min va più che bene 😉 

~ Cosa dire?
Fate una piccola scaletta delle cose da dire seguendo l’ordine della lettera di presentazione che avete scritto precedentemente.
Presentarsi (anni, studi, posto in cui vivete), parlare della propria famiglia, dei propri hobby e  passatempi ( in modo da poter trovare qualcosa in comune con la famiglia), delle esperienze precedenti con i bambini, quali erano le tue responsabilità e cosa ti piace fare con loro.
Inoltre, per concludere il vostro video non dimenticate di raccontare cosa vi spinge a intraprendere quest’avventura 😀 ed eventuali sogni e progetti per il futuro 😉

Ultimo consiglio: Accendete la camera, posizionatevi davanti e pensate di parlare a un’amica 😉  
Armatevi di grinta, solarità ed eccitazione e sarà fatta!!! 😀

Visto che molte di voi l’hanno chiesto, ecco il video che ho fatto un anno fa (con il mio orribile inglese):

La mia prima lezione di Surf (video)

Ciao a tutti!

Scrivo questo post grazie al mio nuovissimo Mac!!!! 😀 dopo 2 mesi di risparmio ce l’ho fatta!!!
Il motivo per cui non ho potuto pubblicare questo post prima é perché contiene  un video… che io ho fatto, e pubblicarlo dal pc del hostdad era troppo complicato!
Allora, alcuni mesi fa sul sito del Groupon locale ho trovato questa favolosa offerta di fare 3 lezioni di Surf a soli 30$! Ho preso al volo l’occasione ed è così che una domenica mattina mi sono trovata su un’onda artificiale ad imparare a surfare!
La difficoltà maggiore era riuscire a stare su, appunto per questo l’istruttore assisteva la partenza con una corda, facilitando l’equilibrio iniziale. Una volta caduti, l’onda ti travolge e ti porta via… ahahaha purtroppo niente caduta in vista per me… qui, una ragazza inconsciamente mi ha risparmiato la figuraccia 😛

Anche se per una settimana il dolore dei muscoli non mi ha dato tregua, mi sono divertita tantissimo!!!